lunedì 1 marzo 2010

L'arte di capire i colori per la ceramica

Se vi sembra strano questo titolo, vi spiego subito che i colori per la pittura della ceramica sono particolari, snobbano i pittori alle prime armi, che non riescono a capirli e ad immaginarli. Allora loro per vendicarsi, come i camaleonti nascondono la loro vera natura, cambiando il loro colore nel forno ad alta temperatura, sbuffandoli. 

I colori ceramici si ottengono miscelando uno o più ossidi coloranti con fondenti, plastificanti ed indurenti, tenendo conto delle caratteristiche chimiche del colorante impiegato. Sono mescolabili fra loro, in modo da ottenere una vastità di tinte ed una varietà delle tonalità che potranno soddisfare anche l'artista più esigente.

I colori della serie CSC servono per decorare direttamente sul biscotto. Si applicano a pennello, a spugna, a tampone, ad aerografo   ( vedi:termini ceramici), oppure a schermo serigrafico e vanno quindi ricoperti con una cristallina neutra o leggermente colorata.

I colori della serie CSM si distinguono dai colori sotto vernice perché vetrificano indipendentemente dalla natura dello smalto. Sono applicati a pennello, a spugna, ad aerografo  dipingendo sull’oggetto già smaltato e vengono cotti insieme alla temperatura di 400°C

I colori della serie CAV
Di nuova concezione, completamente apiombici, sono sottoposti a processo di super ventilazione e quindi sono perfettamente miscelabili anche a secco. Possono essere usati come colori sotto cristallina o sopra smalto e particolarmente indicati per colorare smalti bianchi o cristalline neutre.

Quando compro i colori in polvere li metto subito nelle ciotoline con  l'acqua e cosi li conservo. Per pitturare li stendo sul piattino: uso un piattino diverso per ogni colore e per mischiarli ho la mattonella  di ceramica e di solito uso un pennello diverso per ogni colore.


I colorii ottenuti con diversi ossidi metallici, terre e minerali:

Le tonalità verdi - con l'ossido di rame
gialle                  - con l'ossido di ferro, 
azzurri               - con l'ossido di cobalto
bruni                  - con l'ossido di manganese


Una raccomandazione:
Nell'usare i colori bisogna stare attenti a non diluirli con troppa l'acqua, perchè si potrebbero formare delle bollicine o buchi dopo la cottura. Invece il colore usato tropo denso potrebbe provocare delle crepe.


Le cose da sapere per usare bene il colore.
1) La teoria-colori primari, secondari terziari, completari, la ruota cromatica, le tabelle di colori, e i loro nomi
2) Le qualità- chiari, scuri, saturi, insaturi, caldi, freddi, pallidi, vivaci, intensi
3) Mescolare colori- non tutte le mescolanze danno un buon risultato
4) Accostamenti- scegliere le combinazioni giuste
5) Gamme di colori freddi, caldi e contrasti
6) Imparare come schiarire e come scurire colori
7) Conoscere i simboli csc, csm, cav e i nomi dei colori
8) Imparare e ricordarsi come verrà il colore dopo la cottura


Il segreto per ottenere la resa migliore di tutti i colori è tenerli nelle ciotoline di ceramica e mescolarli sempre prima di pitturare e durante il lavoro, perché il colore tende a posarsi e indurirsi sul fondo del recipiente.



Dla zainteresowanych polecam:




39 commenti:

  1. Fascinating, and complicated! So much to study and learn.

    RispondiElimina
  2. Hello Nothingprofoud,There is nothing difficult or complicated, what we do with passion and heart. Passion takes us completely, is a joy and overcomes all difficulties. Thak you for vist, have a nice time:))

    RispondiElimina
  3. No widzisz tu piszesz o kolorach i farbach, ale ze mnie gapa. No oczywiście jak każda technika jest skomplikowana i ma wiele zagadnień, ale efekty pracy ......!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. @Cela37:mam tylko nadzieje, ze wszystko jest zrozumiale po wlosku. Oczywiscie trzeba poznac podstawowe zasady pracy, a droga prob, bledow i doswiadczen mozna sie zawsze wszyskiego nauczyc. Trzeba tylko troszke cierpliwosci w nabywaniu wprawy, a efekty napewno beda widoczne. Pozdrawiam cieplutko:)))

    RispondiElimina
  5. Ciao,

    ho visto il tuo blog e le tue spiegazioni e vorrei chiederti qualche aiuto in piu'. Sto iniziando adesso a decorare, seguendo una antica passione, che purtroppo non si era mai potuta concretizzare, ma mi sto trovando in difficolta' con la preparazione dei colori (smalti in particolare) e la pennellata. Potresti darmi dei consigli sulla diluizione degli smalti e delle sottocristalline? Quando dipingo vedo sempre il segno della pennellata, forse sbaglio pennello o densita'. anche su questo potresti darmi qualche consiglio? Grazie mille in anticipo. Ciao.
    Alessia

    RispondiElimina
  6. Ciao Alessia, per quando riguarda lo smalto, bisogna scioglierlo con l'acqua in  una bacinella  (1kg. di polvere  = 1 litro di acqua) Lasciare il tutto a riposare per 24/ 48 ore, quindi mescolare  molto bene. Successivamente  travasare lo smalto sciolto nella seconda bacinella usando il setaccio e il boccale  di plastica. 
    Anche i colori bisogna scioglieri nell'acqua e mescolarli bene nelle ciotoline , (diversa ciotolina per ogni colore). Le pennellate devono essere leggere e veloci. La scelta dei pennelli dipende dai tipi di decori che fai. Che genere di decorazione ti piace : con tanti piccoli particolari, oppure grossolane con grandi superfici di colore steso ?
    Un saluto:)))

    RispondiElimina
  7. Grazie delle info.
    Sto appena iniziando, quindi al momento vorrei andare su decori semplici.
    I colori vanno sciolti sempre con le stesse proporzioni di acqua 1:1 o per i colori si usa piu' acqua?
    Un'altra info: i CSM possono essere usati sottocristallina e i CSC sopra smalto dando poi la cristallina?
    Ti spiego... il tipo da cui ho comprato, sebbene avessi chiesto CSC mii ha dato alcuni colori SC e altri SM e ora non so bene se li posso utilizzare insieme o se devo comprarne di altri SC per avere almeno i primari.
    Grazie di nuovo. Un saluto :)

    RispondiElimina
  8. Ciao Alessia , non devi preoccuparti troppo per le proporzioni percentuali precise dell'acqua e colore, perché ovviamente ogni volta che devi prendere il colore per dipingere, prima devi immergere il pennello nell'acqua. A volte ti serve un colore piu' scuro, piu' denso a volte piu' chiaro, piu' sciolto, quindi usi il colore piu' o meno carico d'acqua. Tutto dipende dal decoro e sfumature da fare.
    Per la scelta delle sigle dei colori, bisogna usare sempre la stessa sigla, per avere le stesse caratteristiche idonee sia per la cristallina che per la temperatura del forno di circa 1000 gradi. Naturalmente parlo della tecnica maiolica che utilizzo io e mi piace di piu, ma ci sono tanti altri modi di lavorare la ceramica in genere, ad esempio usare i colori a freddo, senza uso di cristallina ecc.. Un abbraccio:)

    RispondiElimina
  9. Grazie di nuovo!

    Sto cercando di destreggiarmi, e' un mondo bellissimo ma un po' difficile e il tizio che mi ha venduto i colori mi ha spiazzata dandomi le cose sbagliate. Pazienza... e' esperienza per la prossima volta ;)
    Che differenza c'e' tra gli smalti colorati e i colori sovrasmalto del tipo CSM? Questo non l'ho proprio capito. Ho letto che entrambi vetrificano senza bisogno di cristallina.

    Grazie ancora per le dritte :) Spero di iniziare presto qualche lavoretto.
    Ciao
    Alessia

    RispondiElimina
  10. Ciao Alessia, non e' detto che bisogna fare sempre tutto secondo un rigido schema. E' bello anche sperimentare, possono venire fuori delle cose sorprendenti :) Io uso smalti colorati (bianco, avorio, pietra, antico, ecc) come base della pittura. Immergo l'oggetto nello smalto e poi dipingo sopra con i colori CSM, spruzzo tutto con la cristallina. La cristallina rende gli oggetti lucidi, impermeabili e di qualita' superiore. Non avendo la cabina da spruzzo si possono usare dei colori che contengono gia' la vetrina, e poi le nostre creazioni ornamentali non devono essere sempre lucidi e perfetti. L'importante che piacciono a te)
    Un abbraccio:)

    RispondiElimina
  11. Ciao! Sono incappata in questo blog cercando info utili perchè vorrei fare un oggetto per un amico. Purtroppo sono molto ignorante in materia e non ho mai fatto nulla di simile.. Il blog mi è sembrato molto bello e ho trovato delle cose che non sapevo, così mi sono soffermata a studiarlo un po'!
    Vorrei chiederti qualcosa, lo so che è banale ma io davvero parto praticamente da zero... potresti aiutarmi?
    La domanda principale che mi sono posta è se sia possibile pitturare su creta anche senza cuocerla, voglio dire, senza la prima cottura. E' possibile utilizzare i colori della serie CAV??
    Grazie mille, un bacio.
    Laura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Laura naturalmente si può dipingere sulla creta ben asciutta, ma non con i colori CAV, di quali ho parlato, perche' non si fissano senza la la cristallina e cottura. Si rovinerebbero. Puoi usare i colori "a freddo" per la ceramica, pigmenti oppure acrilici, tempere. Se hai creta rossa, per rendere i colori piu' vivi, prima di pitturare e' meglio dare il fondo bianco. Infine si puo' dare la cera per ottenere effetto satinato, un po' piu' lucido. Un bacione :))

      Elimina
  12. Ciao Martinia, complimenti per il blog, tanti consigli e cose molto utili, specie per chi è alle prime armi. Approfitto anch'io per alcune domande. Io seguo un corso di ceramica da un annetto...e ho fatto qualche oggetto che propongo nei mercatini di artigianato.
    leggevo sullo smalto, dove l'ho comprato mi disse di scioglierlo in proporzione 1:8 e infatti i lavori non uscivano molto bene, quel signore che mi insegna ceramica mi disse che avevo messo troppo smalto, infatti nella ciotola aveva fatto le crepe e in quei punti non aveva aderito. Ora capisco perchè, era troppo denso e inoltre nessuno mi aveva detto che andava setacciato. E' troppo tardi farlo ora o va fatto entro il giorno successivo alla miscelazione con l'acqua?
    Altra domanda: cerco info sulla tecnica della cuerda seca nella versione più moderna, ma non so bene quali ingredienti dovrei usare (fondente, smalti e manganese) o meglio in quali dosi, quanto deve essere liquido. Si potrebbe usare anche la tecnica della riserva per lasciare quei contorni neri?
    Ho trovato in un libro qualcuno che usava la gomma lacca per fare l'effetto texture nell'argilla, che sarebbe simile alla tecnica con riserva che mi hanno mostrato al corso.
    ciao ciao
    Monica

    RispondiElimina
  13. Grazie MonicArt per i Tuoi gentili complimenti. Per preparare lo smalto dai un'occhiata al mio post: "Guida sulla preparazione dello smalto ".  
    Puoi sempre aggiungere altra acqua e setacciarlo. Per quanto riguarda la  tecnica della cuerda seca, la pittura sul biscotto ceramico prima della seconda cottura, non vorrei darti consigli specifici perche' e'  una tecnica che non utilizzo, un abbraccio:)

    RispondiElimina
  14. salve, vorrei sapere come si schiariscono e scuriscono i colori(ossidi) per ceramica. Grazie in anticipo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonimo, i colori tradizionali per la ceramica si possono tranquillamente mescolare tra loro usando la mattonella di ceramica come la tavolozza. Ad esempio: per schiarire il verde o marrone si deve aggiungere il giallo, per schiarire il rosso carminio si puo' aggiungere il rosa, invece per schiarire il blu basta diluirlo con l'acqua. Per ottenere le tonalità piu' scure e' necesario aggiungere un po' di marrone o verde scuro ecc. Tutto dipende dall'effetto che vogliamo ottenere. Buon lavoro:)

      Elimina
  15. io vorrei capire come colorare la ceramica con questi colori...http://www.amicucci.it/colori.aspx?c=2&s=438 come bisognerebbe fare?cuore la prima volta la ceramica con lo smalto bianco, poi colorare con questi e poi ricuocere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonimo, questi sono i colori da usare sul oggetto di ceramica gia' cotto, che non hanno bisogno di ulteriore cottura.

      Elimina
  16. Ciao Martina, che bellissimi lavori i tuoi! adoro i colori che adoperi, gli accostamenti e l'eleganza dei tuoi disegni. Mi sono da pochissimo accostata alla ceramica ed ho sentito parlare del verde ramina. Che tipo di verde è e volendone comprare uno che sigla mi consigli? Grazie e complimenti per il blog utilissimo :)

    RispondiElimina
  17. Grazie Nabla per i Tuoi gentilissimi complimenti. Ho usato vari tipi di verde ramina. Quello piu' antico e piu' usato dai ceramisti a Deruta e' anche quello piu' difficile di tutti, risulta nero, e soltanto dopo la cottura diventa un bellissimo verde. Bisogna dosarlo con molta cura, perche' se dato troppo denso viene come un nero argentato.
    Per non sbagliare la densita' ti consiglio di usare il verde ramina 510/097 . Ha un colore verde e non crea dei problemi.Un saluto :)

    RispondiElimina
  18. Martinia, grazie per la risposta e per condividere le tue conoscenze con noi :) Sei di una gentilezza estrema, oltre che simpatica. Tra l'altro ho letto il tuo post sulle tradizioni natalizie in Polonia e ne sono rimasta affascinata!
    Ho scoperto che il verde che ho usato finora è proprio il 510/097 di cui però non sono tanto soddisfatta. Vorrei provare questo fatidico verde ramina che prima della cottura è nero, sapresti consigliarmi una sigla? Scusa se rompo :)

    RispondiElimina
  19. Sono felice che Ti piacciono le tradizioni polacche e non Ti preoccupare- sei sempre La benvenuta e rispondo volentieri a tutte le domande, ovviamente nel limite delle mie conoscenze. Il colore verde ramina CSM9, che ho usato precedentemente, e' la mia scelta personale e non necessariamente deve essere la migliore per Te, perche' tutti abbiamo le nostre preferenze, gusti e modi di fare con quali ci troviamo meglio, e con quali anche le cose che facciamo vengono meglio. Come sappiamo la tecchnica perfetta, pennelli e colori migliori ci aiutano ma senza la nostra "mano" non funzionano affatto. Un abbraccio:)

    RispondiElimina
  20. Grazie, sei sempre gentilissima :)
    Parole sante!

    RispondiElimina
  21. ciao complimenti per i tuoi lavori e,complimenti per la pazienza e la gentilezza che hai nel rispondere alle mille domande... io sarò la prossima rompi scatole :D dovrei dipingere i deumidificatori in ceramica che si mettono sui termosifoni, ma non ho idea di che colori usare, so che ci sono dei colori che possono essere cotti nel forno di casa per essere fissati, e mi chiedevo secondo te poi con il calore dei termosifoni si rovinano? tu hai qualche suggerimento.. per me questo tipo di colori sono sconosciuti, ti ringrazio tantissimo. ciao
    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mary , grazie per i tuoi gentili complimenti, non ti preoccupare, rispondo sempre volentieri a tutte le domande. Non ho molta esperienza con i colori a freddo, ma non credo che ci possono essere dei problemi con i termosifoni perche' la temperatura dei termosifoni e molto piu' bassa della temperatura della fissazione del colore. Devi soltanto comprare dei colori specifici per la ceramica da fissare al forno di casa e seguire con precisione i tempi e modi di cottura.
      Un abbraccio :)

      Elimina
  22. Ciao, per avere un color ramina brillante sotto devo metterci smalto bianco, se coloro su maiolica? (rossa)
    mi sono uscite in cottura con la sola ramina dei verdi bruttissimi e spenti.
    Esperimento fallitissimo (ogni tanto ne faccio) Posso ridipingere a spruzzo mescolando i colori con lo zucchero in modo che il colore si attacchi a quello sotto e rimettere nel forno? grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per avere dei colori brillanti, bisogna immergere l'oggetto nello smalto bianco e poi dipingere sopra con i colori CSM, successivamente bisogna spruzzare il tutto con la cristallina e cuocere. La cristallina rende gli oggetti lucidi ed impermeabili.
      Si puo' fare la cottura successiva per fare delle correzioni del colore ma non a spruzzo. Per quanto riguarda lo zucchero, io non l'ho mai aggiunto ai colori, quindi non so quale effetto porterà. Un abbraccio :)

      Elimina
    2. ah cavolo! grazie!! io di solito senza lo spruzzo, su superfici molto grandi che devono avere un colore uniforme, uso la pistola, altrimenti le campiture sono tutte segnate. Probabilmente eseguo male il colaggio.
      Cosa mi consigli? la spugna potrebbe essere un buon modo per ottenere una campitura uniforme e non troppo spessa? Sono curiosa di vedere che succederà. Lo zucchero serve per dare al colore maggiore presa, essendo un amido non scivola via, consiglio dato da un altro ceramista esperto!
      ti mostro quello che faccio, se ritieni sia pubblicità togli pure il sito, non è mia intenzione fare pubblicità, è solo per un confronto con te:
      www.ibravi.com
      Grazie ancora!!!

      Elimina
    3. ho scritto male la prima parte della prima frase, volevo dire che io di solito uso la pistola per superfici molto grandi!

      Elimina
    4. Ciao Mariangela! Ho visto il Tuo bellissimo sito, complimenti, sei molto brava! Fai dei lavori particolari, molto originali. L'effetto che riesci ad ottenere e' molto soggettivo ed oltre fatto con molto gusto. Ogni Tuo oggetto e unico, cosi ognuno puoi lavorarlo in modo diverso, senza doversi preoccupare dell'effetto troppo spesso, liscio oppure ruvido. E' bello esperimentare e provare nuove combinazioni. Non saprei consigliarti l'uso della spugna, perche' dipende dal Tuo gusto e quello che vuoi ottenere. L'importante e' che alla fine Ti diverti e hai soddisfazione dei Tuoi lavori. Un abbraccio :)

      Elimina
    5. Ti aggiorno, volevo troppo provare e sono andata in lab anche a ferragosto! :D
      ho provato a dare fondo di smalto bianco zuccherato a pennello picchiettato con una spugnetta per dare un aspetto un po' "variegato"... il pezzo è molto particolare, quindi anche qualcosa di un po' maculato è tollerabile. Domani spruzzata leggera di ramina con zucchero. Vedremo come andrà la faccenda, ti metterò delle foto! peccato non averle fatte prima!
      Grazie per i complimenti! Conosci la tecnica della paper clay? Ti apre un mondo. I miei oggetti sono fatti con quella tecnica!

      Elimina
    6. Ciao Mariangela, se lavori anche a Ferragosto, vuol dire che sei proprio persa.... scherzo! Si vede che ami molto la ceramica! Anche a me piace molto paper clay. Ho scritto sul paper clay qui:
      http://ceramicamia.blogspot.com/search/label/paperclay
      Un caro abbraccio :)

      Elimina
  23. Ciao,
    sono Gabriele, e mi sono daa poco avvicinato a questo mondo..Non riesco però ad ottenere i risultati che vorrei, specialmente parlando di smaltatura. Dove porto a cuocere, mi dicono che diluisco troppo, ma perchè un pezzo non viene uguale all'altro?Poi, a volte uso il colore puro dal barattolino..Dovrei però farti vedere una foto, per spiegarmi meglio....Vedo però che da agosto 2014 nessuno aha più scritto, probabilmente non ci sarai più..Pazienza Saluti, e complimenti per i tuoi lavori...Gabriele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gabriele,
      naturalmente ci sono e rispondo volentieri alle Tue domande. Succede spesso che i pezzi non vengano uguali, quando si lavora tutto a mano. Se il Tuo smalto (come Ti hanno detto) è troppo diluito, lascialo riposare per un giorno e poi togli delicatamente l'acqua della superficie e poi gira il tutto, con molta cura. Purtroppo, attraverso il mio commento nel blog, non posso dirti con certezza se la densità è giusta, neanche guardando la Tua foto. Ci sono in commercio strumenti che misurano la densità dello smalto, ma è molto importante la pratica ed esperienza acquisita con il tempo. Potrei solo consigliarti di fare un corso di ceramica, che Ti da una certezza su tutte le cose. Un saluto e felice Santo Natale

      Elimina
  24. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  25. Ciao Marta, innanzitutto complimenti per il tuo blog, la tua pazienza e la tua passionalità :)
    veniamo a noi, la domanda in realtà è molto semplice, sto iniziando ora a sperimentare le tecnica della maiolica con colori da sottocristallina su oggetti smaltati di bianco, ma mi domandavo se si potesse creare una base invece che con smalto bianco lucido con smalto colorato lucido come ad esempio un verde cadmio o un rosa. Grazie mille... Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lisa, grazie per i Tuoi gentili complimenti. Per quanto riguarda gli smalti, ci sono naturalmente vari colori e varie tonalità. Se usi lo smalto scuro (ad esempio verde) come la base per dipingere, devi tenere presente che dopo la cottura, non si vedranno piu' i colori chiari se dipinti in modo come fai normalmente - pennellando. Si vedranno solo, se applicati molto densi quasi con effetto "a rilievo". Per questo motivo io uso sempre gli smalti chiari come bianco, bianco antico, avorio ecc.. per i miei decori

      Elimina
  26. Ciao Marta,volevo chiederti un parere sui colori sottocristallina: come mai ultimamente vengono molto sbiaditi, mentre prima venivano bene. Potrebbe dipendere dalla temperatura del forno che ho cambiato da poco? Io cuocio a 950 gradi. Grazie. Silvana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao DaRTaRieLLo, le cause per cui i colori sono sbiaditi o comunque si comportano in modo diverso, possono essere tante. Ad esempio che la polvere del colore non e' stata girata abbastanza bene nelle loro ciotole con l'acqua, quindi il pigmento del colore si e' depositato sul fondo. Oppure e' stata aggiunta troppa acqua al colore. Un'altra causa potrebbe essere che il negozio dove vai a comprarli di solito, abbia cambiato fornitore, quindi e' un marca diversa con caratteristiche diverse. Anche la temperatura troppo alta del forno puo' causare dei problemi, come piccole crepe e/o aloni. Prova a cambiare i colori e fammi sapere com' e' andata. Un abbraccio.

      Elimina

ShareThis