giovedì 31 dicembre 2009

Colorare le feste



                                                                                                                                                                          Con questi piatti che ho appena dipinto, sicuramente farete un figurone con i vostri ospiti per il Capodanno e anche per tutte le altre feste. Il misterioso e forte fondo nero del piatto, risalterà bene i colori del cibo che offrirete. Direi che sopra starebbe benissimo lo zampone contornato di lenticchie. Questa tradizionale pietanza Italiana che e' di buon augurio, in queste vesti sicuramente trova la sua giusta importanza e ci piacerà di più. La vista ha un ruolo troppo importante nel nostro accostarci al cibo.



I colori che i nostri occhi percepiscono influiscono talmente sulla nostra psiche che le medicine orientali li usano per la cura di molte malattie (cromoterapia).


Anche per me i colori che mi circondano sono di vitale importanza e influenzano moltissimo il mio stato d'animo. La prima cosa che mi colpisce, molto più che la forma in sé, è proprio il colore.


Ad esempio apparecchiare la tavola in rosso consente di digerire ed assimilare meglio il cibo. Caldo ed eccitante, simboleggia fuoco e sangue, generando energia. Il verde è il colore della natura, rinascita e speranza che trasmette serenità e tranquillità. Il nero stimola l’eros e crea mistero. Il giallo è il colore preferito dai golosi e trasmette anche energia. Il blu ed il viola sono le tinte dell’equilibrio. Il bianco invece favorisce la concentrazione, aiuta a disintossicarsi ed è l’emblema dell’eleganza.


Invece alcuni colori che uso io, cambiano il suo colore con il calore della cottura, che racconto in questi articoli:


Oggi in occasione dell'ultima festa del anno, divertendoci possiamo anche dirne a tutti di tutti i colori, ma solo con allegria e gioia:) Auguro a tutti voi        UN FELICE ANNO NUOVO!:)
KOLORARE ŚWIĘTA
Właśnie namalowałam duże półmisy na specjalne okazje, którymi możecie się pochwalić Waszym gościom np. na Sylwestra. Czarne tło talerzy zdecydowanie podkreśli kolory potraw które podacie na stół oraz ich smak. We włoskiej tradycji na Sylwestra nie moze zabraknąć wieprzowej nóżki (zampone) z soczewicą (lentichie), która symbolizuje dobrobyt i pomyślność finansową. Na pewno każda potrawa podana na takim talerzu zyska na apetyczności, bo kolor wzmacnia poczucie świeżości i jakości potraw.



Świat kolorów może mieć istotne znaczenie dla naszego zdrowia, temperamentu i zachowania. Istnieje przecież nawet nauka o leczeniu za pomocą koloru - chromoterapia.


Czerwony wzmacnia i dodaje organizmowi energi, symbolizuje krew i ogień. Zielony to natura, nadzieja i spokój. Czarny stymuluje tajemniczo i erotycznie. Żółty,preferowany przez łasuchów, dodaje energi. Granat i fiolet symbolizują równowagę, a biały jest emblematem elegancji.


Natomiast kolory ,których ja używam na codzień do malowania są szczególne: zmieniają swój kolor w piecu podczas wypieku.


Życze Wam więc, by od Nowego Roku zagościły w Waszym życiu już na stałe, tylko ciepłe i piękne kolory radości i szczęścia!:)
DO SIEGO ROKU!:)

 
                                                                                                                                                                


giovedì 24 dicembre 2009

Il presepe in ceramica


Perchè il Natale è il periodo più magico dell'anno? Semplice: ogni persona torna ad essere bambino, l'atmosfera si fa magica grazie alle mille luci colorate che illuminano le case, agli alberi di natale scintillanti, ai bellissimi presepi e canti natalizi...allora fermatevi ad ascoltare, a vedere a guardare la magia che c'è in questa aria. Vi auguro che questo Natale sia un giorno sereno, in cui si possa godere insieme un po' di pace e tranquillità. Buon Natale a tutti!:)
Nadchodzące Święta Bożego Narodzenia niosą ze sobą wiele radości oraz refleksji dotyczących minionego okresu i planów na nadchodzący Nowy Rok. W tych wyjątkowych dniach chcialabym zlozyc Wam serdeczne życzenia wielu radosnych doznań z okazji Świąt Bożego Narodzenia, oraz wszystkiego co najlepsze w każdym dniu nadchodzącego Nowego Roku:)

martedì 15 dicembre 2009

Artista di Arazzi premia Artista di Ceramica


Che bello!:) E' appena arrivato a casa mia, un bellissimo vero arazzo con un monogramma dedicato a me.  Dipinto a mano dall'artista Fabiola Giannini con degli angioletti e fiorellini di una delicatezza, precisione, e dolcezza che la foto non rende neanche . Fabiola ha creato questo premio per il commentatore estratto a sorte, per festeggiare il primo anno del suo blog: "Hobby Text Alfabeto decorativo". Sono felicissima che il suo prezioso omaggio l'abbia vinto proprio io, e vorrei tanto ringraziarla per questo. Devo dire che leggo sempre volentieri il suo belissimo blog che si  distingue per i suoi contenuti, per l'estetica e creatività. Brava Fabi, continua sempre cosi!:)          

                                Artystka arrasów nagradza Artystkę Ceramiki
Właśnie dostałam cudowny arras z dedykacją dla mnie, ręcznie malowany i haftowany przez artystkę Fabiolę Giannini. Wydaje mi się, że zdjęcie nie oddaje w całości jego uroku. Jest po prostu śliczny, wykonany niezwykle precyzyjnie, delikatnie i z ogromnym wyczuciem kolorów i cieni. Fabiola ufundowała tę nagrodę dla uczczenia pierwszej rocznicy istnienia swojego blogu: "Hobby Text Alfabeto decorativo". Wszyscy jego komentatorzy wzięli udział w losowaniu, a nagrode wygrałam właśnie ja i jestem z tego powodu super szczęśliwa!:) Zawsze bardzo chętnie czytam jej blog, jedyny w swoim rodzaju, nigdy banalny pełen oryginalnych artystycznych pomysłów i ciekawych zdjęć. Buziaczki Fabiola, trzymaj tak dalej!:)


lunedì 30 novembre 2009

In un piatto decorato il sapore di mare

Se non sapete come servire a tavola una pietanza di pesce, ecco per voi un grande piatto di ceramica tutto dipinto a mano a forma di pesce. La composizione della decorazione e' particolarmente ricca di motivi e colori. Al centro abbiamo un decoro "Raffaellesco" con dei piccoli draghi, esternamente arricchito con un decoro "Vario" con lo sfondo rosso. Per sapere come procedere con la pittura leggete anche :
I draghi possono avere misure diverse, ed essere unici protagonisti, come su questo piatto.
Invece il piatto ovale si può usare per tutte le pietanze che vogliamo e anche per la  frutta.
Prima di pitturare  mi sono servita di due spolveri con due decori diversi, ma che insieme combaciano perfettamente e creano un decoro nuovo ed interressante. Ho dovuto anche stare molto attenta allo smalto nella parte della bocca del pesce, dov'è il punto più delicato, e dove possono apparire degli eventuali difetti.
Due piatti di gran effetto valorizzano i sapori che vogliamo servire ai nostri ospiti e possono essere un'idea regalo per le prossime Feste Natalizie niente male. Se siete interessati o avete delle curiosità, non esitate a contattarmi.


Smak morza w ręcznie malowanym talerzu
Nie wiecie jak elegancko podać Waszym gościom potrawę z ryb? Oto  wspaniałe rozwiązanie - duży ręcznie malowany ceramiczny talerz w krztałcie ryby. Na pewno będzie się doskonale komponował z białymi lub czerwonymi dodatkami stołu. Natomiast talerz owalny, który widzicie na drugim zdjęciu, świetnie się nada do sałatek i warzyw. Kompozycja wzoru talerzy jest szczególnie bogata i składa się z dwóch typowych antycznych włoskich motywów: centralnie umieszczonych smoków w stylu "Raffaellesco", oraz ozdobnego motywu na czerwonym tle, zwanego "Vario". Przed malowaniem, by dokładnie zaprogramować proporcje wzoru, pomagałam sobie wcześniej przygotowanym  szablonem. Szablon, to rysunek wykonany najpierw ołówkiem a następnie nakłuwany cienka igłą, na przezroczystym pergaminie. Pergamin z dziurkami przykłada się do talerza i delikatnie "pudruje" popiołem węglowym, a po jego zdjęciu na talerzu zostaje odbity kontur rysunku. Węgiel nie zostawi żadnego śladu bo spali się podczas wypieku, a odbity rysunek bardzo ułatwi i przyspieszy malowanie, szczególnie wtedy gdy ważne jest precyzyjne zaplanowanie i  rozmieszczenie  wszystkich elementów dekoracji.
Oba talerze mogą być prawdziwą ozdobą stołu i doskonałym pomysłem na Świateczny prezent. Więc jeśli macie pytania lub chcecie zrobić Waszym bliskim ceramiczną niespodziankę, to skontaktujcie się ze mną. Jestem do waszej dyspozycji.

lunedì 16 novembre 2009

Luce e ceramica

Se dovete preparare una romantica cena per due e volete ottenere un'atmosfera serena e intrigante, non bisogna dimenticare che oltre al cibo e buon vino, è importante creare un gioco di luci calde e soffuse.

Sicuramente la cena a lume di candela, ci regala un'atmosfera romantica, che favorisce la conversazione e lo star bene. E importante in questa fase la scelta del colore delle candele, preferibilmente profumate, e dei candelabri su cui poggiarle.

Naturalmente i candelabri  non sono solo dei sostenitori delle candele, ma delle opere d'arte da ammirare e che abbelliscono la tavola. Come vedete sulle foto i candelabri che presento, sono dipinti con diversi colori, utillizzando dei pennelli piccolissimi, per curare tutti i particolari del decoro, che viene chiamato „coda di pavone”.

I pennelli necessari che ho usato per dipingere questo tipo di decoro, li trovate nel mio articolo:

I colori dei candelabri sono brillanti ma delicati e si abbineranno perfettamente a tutti gli altri oggetti che userete per apparecchiare la vostra tavola.


                                 Światło i ceramika
Jeśli chcecie przygotować romantyczną kolację we dwoje i stworzyć miła i relaksującą atmosferę, nie zapomnijcie, że oprócz dobrego jadła i wina, niezwykle ważne jest przygotowanie odpowiedniego światła.
Na pewno rozproszone, cieple światło świec stworzy nam atmosferę sprzyjającą rozmowie i w której będziemy się dobrze czuć. Oczywiście świece musimy ustawić w świecznikach, które nie będą służyły tylko jako podstawka do świec ale również jako szczególna  ozdoba stołu.
Malunek na świecznikach zaprezentowany na zdjeciach, przypomina "ogon pawia",  wymaga dużej precyzji i dokładności. Żeby więc uzyskać zamierzony efekt, przed malowaniem wyznaczyłam  miękkim ołówkiem linie pomocnicze, a do malowania używałam bardzo cienkich pędzli  oraz pomagałam sobie kołem garncarskim, .
Klasyczna forma świeczników oraz ich delikatne jasne kolory  na pewno będą świetnie pasować do reszty całej naszej zastawy stołowej.



giovedì 22 ottobre 2009

Nella botte piccola c'è il vino buono



Una botte cosi elegante, fatta di ceramica e dipinta tutta a mano, sicuramente renderà il vino più gradevole agli occhi e più pregiato al palato. Ed è inoltre un ottima soluzione di come conservare e servire il vino a tavola. Non avrete più il problema di conservare tante bottiglie e travasare il vino, sporcando dappertutto ed anche un oggetto che arreda la vostra cucina in un modo originale e simpatico. La botte ha una capienza di 5 litri è facile da spostare e usare. Può essere collocata in qualsiasi punto date le sue modeste dimensioni. E' costituita da cinque pezzi: parte superiore con coperchio, parte inferiore con spinatore, base, e vasella. All' interno è situato un contenitore dove si travasa e si conserva il vino. La lavorazione rustica rende la superficie leggermete ruvida. I colori usati sono atossici e apiombici e per questo possono essere usati per gli alimenti e non temono neanche lavaggi in lavastoviglie. La botte è decorata con disegni d'uva bianca e rossa e con una scritta di un vecchio proverbio d' origine medioevale che dice "In vino veritas" (Nel vino la verità)



E' con il vino buono direttamente dalla mia botte vorrei festeggiare con Voi il
Vi ringrazio tutti per la Vostra presenza e i Vostri graditissimi commenti. Continuate a seguirmi, Vi sorprendero' con i nuovi articoli e foto originali. Cin cin e un abbraccio fortissimo:)


Posted by PicasaW malej beczce dobre wino
Aby ten szlachetny trunek w pełni rozwinął przed nami swoje walory smakowe i aromatyczne, niezbędne jest odpowiednie zaserwowanie go. Jeśli więc macie problem jak elegancko i wytwornie podać go do stołu - ceramiczna ręcznie malowana beczułka to wspaniałe rozwiązanie, szczególnie dla win domowej roboty. Oryginalna w niepowtarzalnym włoskim stylu, będzie ozdobnym i jednocześnie praktycznym elementem każdej kuchni. Ma pojemność 5 litrów i składa się z pięciu elementów: części górnej z przykrywką, części dolnej z kranikiem, podstawy i dzbanka. Użyte kolory są całkowicie nie szkodliwe i nie ma problemu z myciem w zmywarce. Dekoracją beczułki są różne gatunki winogron i średniowieczna złota myśl:
In vino veritas - (dosł. w winie prawda) wino rozwiązuje języki.

A skoro mamy już wino, wznieśmy toast, bo właśnie nadarzyła się wyjątkowa okazja:

MÓJ  BLOG  OBCHODZI  DZISIAJ  SWOJE  PIERWSZE  URODZINY
I w zwiazku z tą wspaniałą rocznicą, chciałabym serdecznie wszystkim podziękować, za Waszą obecność i przemiłe komentarze. Motywują mnie do dalszego pisania i dzielenia się z Wami moja pasja, a przede wszystkim sprawiają mi ogromną radość. Mam nadzieję, że wciąż będziecie do mnie zaglądać. Zaskoczę Was nowymi wpisami i mysle, że moimi oryginalnymi zdjęciami. Wszystkich serdecznie i cieplutko pozdrawiam:)

domenica 11 ottobre 2009

Gli ortaggi con il sorriso del lucertolone






Il mio piatto finalmente è pronto. Ci è voluto un giorno per pitturarlo, due giorni per asciugarsi, dieci ore per la cottura e mezza giornata per raffreddarsi. Sono serviti per realizzarlo un po di creatività, tanta pazienza e vari attrezzi. Naturalmente prima che diventasse un oggetto finito il piatto è stato foggiato, lavorato e asciugato, successivamente cotto per la prima volta, poi e' stato smaltato e dopo la decorazione prima di metterlo nel forno per la seconda cottura, è stato spruzzato con la cristallina, per dare la brillantezza ai colori.

In breve ho elencato tutte le fasi principali di lavorazione della ceramica che vanno curati ed eseguiti passo per passo nel giusto modo, prestando attenzione anche ai minimi particolari, perché in questo lavoro molto facilmente si possono causare difetti. Possono venire fuori buchi, sbavature del colore, crepe o addirittura la rottura degli oggetti. vanificando tutto il lavoro fatto. Invece ammirando il mio piatto, noterete che è perfetto, quindi tutti i passaggi sono stati eseguiti correttamente.

Un poeta del XIX secolo scrisse che i colori sono i sorrisi della natura.

Chi sa se osservando bene il piatto, troverete tra la confusione degli ortaggi dipinti, tanti sorrisi colorati. Provate a curiosare tra i fiori, la frutta e verdure, sono sicura che scorgerete un bell sorriso del lucertolone:)

Vi aspetto sempre con le vostre domande e curiosita', potete lasciare un commento o scrivere sulla FanPage di facebook dedicata a questo blog, alle quali risponderò con piacere.

UŚMIECH JASZCZURA
Mój talerz jest wreszcie gotowy. Potrzebowałam całego dnia by go namalować, dwa dni żeby się wysuszył, dziesięć godzin by się wypiekł i pól dnia by się wystudził. Oprócz tego zużyłam mnóstwo  farb, szczyptę kreatywnej wyobraźni i tony cierpliwości. Oczywiście żeby mógł powstać, trzeba go było najpierw ulepić, wymodelować, nadać kształt, wysuszyć, upiec, a następnie szkliwić, ozdobić wybranym wzorem i piec po raz drugi. To tylko  najważniejsze czynności  w dużym skrócie, ale ważne jest by każdą z nich wykonać bardzo precyzyjnie i dokładnie,  żeby uniknąć ewentualnych defektów typu rozmycie kolorów, dziurki lub rysy.

Pewien poeta napisał, że kolory to uśmiechy natury. Kto wie może oglądając uważnie talerz, znajdziecie wśród warzywnego rozgardiaszu  kolorowy uśmiech jaszczura:)

sabato 3 ottobre 2009

Ammiratore silenzioso

                                                            


Profittando delle ultime calde giornate di ottobre dipingevo all'aperto sul terrazzo un grande piatto di diametro 52 cm, con la frutta, verdure, fiori e farfalle, sentivo la musica e anche...lo sguardo di qualcuno che mi osservava. Mi sono girata e ho visto due grandi occhi verdi che mi fissavano, ma non ero tanto sicura se Lui era sorpreso nell vedere me oppure aveva voglia di assaggiare la frutta del mio piatto:)

La sua curiosita' mi ha cosi distratta che per sbaglio ho immerso il pennello, tra le tante tazzine di ceramica che uso per i colori, proprio in quella dove c'era il caffè che stavo bevendo. Quando mi sono accorta di cio', ho riso e ho fatto cadere il pennello per terra. Il rumore ha rotto l'intensita della bella sorpresa dell' incontro e il mio timido ammiratore si e' spaventato. Il lucertolone e' scappato cosi veloce di come e' arrivato. Forse lo potrei dipingere, aggiungendolo tra la mia frutta e verdura sul piatto? Ci stara' bene?

Come vedete sul piatto c'e' ancora un po' di spazio, anche se ho gia' fatto lo spolvero dove ho programmato tutti gli elementi del decoro.

Lo spolvero e' un disegno fatto sulla carta lucida e bucato finemente con un ago, che si appoggia sul piatto e si batte con un batuffolo contenente carbone per ottenere i contorni del disegno. Come prepararlo, lo trovate nell'articoli:
Con il tempo ho preparato una bella collezione degli spolveri pronti da usare con gli svariati disegni. Se siete interessati, scegliete un disegno che vi piace tra gli oggetti che avete visto nelle mie pagine precedenti e io vi spediro' lo spolvero già bucato e con il disegno che avete scelto.

Non vi perdete il prossimo articolo dove vi faro' vedere il piatto pronto, solo appena sara' finito e cotto.






Cichy admirator

Wykorzystuję już chyba ostatnie cieple słoneczne dni, żeby malować na tarasie. Własnie kończyłam ogromny talerz z owocami, motylami i warzywami, kiedy poczułam za plecami czyjś wzrok. Odróciłam się i zobaczyłam  duże zielone oczy  i szczupłą, gibka sylwetkę. Wydawało mi się że oniemiał na mój widok, ale  może po prostu  miał ochotę sprobować moich owoców z talerza:)
Ten niespodziewany gość mnie na tyle rozproszył, że pomieszały mi się ceramiczne miseczki z farbami, których używam do malowania i zamiast  w miseczce z farbą umoczyłam pędzel w kawie. Oczywiście zaraz się zorientowałam i śmiejąc się niechcący upuściłam pędzelek na podłogę. Spadający pędzel i mój śmiech przerwał blogi stan miłego zaskoczenia i śmiertelnie przestraszył  mojego pięknego obserwatora jaszczura, który natychmiast falująco zniknął. Myslę sobie jednak, że jeszcze wróci ...a wtedy może namaluję go na pustym miejscu na moim talerzu.



sabato 26 settembre 2009

Lo ziro mascherone



Se avete un problema dove lasciare gli ombrelli, oppure cercate una base per un piccolo tavolo di cristallo - ecco la soluzione, un bellissimo ziro che vedete sulla foto. Siccome è più alto dei tipici porta ombrelli, misura 60cm, nasconde perfettamente "quasi tutto". Gli ombrelli accomodati dentro sembrano che scompaiono.


Invece quando ci siamo annoiati di un porta ombrelli, la soluzione è semplice- basta  appoggiare sopra un piano tondo di cristallo per ottenere uno splendido tavolinetto da soggiorno. Il suo decoro a grottesche è molto particolare ed espressivo è adattato perfettamente alla  forma tondeggiane dello ziro.


Il decoro si ispira ai grandi centri di produzione di ceramiche e maioliche del Rinascimento, in primo luogo Faenza, Urbino e Deruta.


Lo smalto di colore anticato, dato con la spugna ed il processo di invecchiamento a cui lo ziro di ceramica è stato sottoposto mettono in particolare risalto tutte le sfumature del verde. L'ultimo tocco di originalità consiste nel fatto che il contorno del decoro non è stato pitturato  con il pennello, come di solito avviene, ma è stato graffiato con un attrezzo appuntito. I graffi devono essere cosi profondi da arrivare al biscotto (oggetto cotto solo la prima volta). Ottenuti in questo modo gli effetti, rendono lo ziro di ceramica un perfetto esemplare d'arredamento lussuoso per la casa.
Se avete domande, curiosità o richieste potete lasciare un commento o scrivere sulla FanPage di facebook dedicata a questo Blog.

venerdì 18 settembre 2009

La bella malinconica


What does bella mean in Italian?
Idiomatically, "bello" can be used to express admiration of something that is not literally beautiful but rather clever or fine or something similar. "Lei ha una bella intelligenza" means "She's pretty smart.".......


Questo e' un quadro molto caro pe me, unico ed irripetibile. Il mio primo dipinto sulla mattonella di ceramica. Il  volto della giovane dama e' fiero, ha lo sguardo nostalgico dei tempi migliori, a volte triste. Indossa un vestito prezioso, interamente ricamato, lungo ed elegante con delle tonalita' calde e  brillanti. La collana di perle bianche dona eleganza.  Tuttavia le cose preziose della sua vita si attenuano piano piano sul paesaggio che  lascia alle sue spalle. Custodisce con cura nel suo cuore Il profumo della terra lontana.

venerdì 21 agosto 2009

La festa della ceramica a Boleslawiec

Pensi che dormono in te ancora i talenti non scoperti? Hai ragione. Basta solo risvegliarli. Bisogna andare a Boleslawiec (in Polonia) per La Festa a Bolesławiec di Ceramica. Si possono incontrare artisti ceramici di tutto il mondo, si puo' da soli modellare e foggiare sul tornio l'argilla, decorare e dipingere qualsiasi oggetto della propria fantasia ed anche ammirare vari oggetti ceramici, tra quali anche la ceramica dipinta da me.


Allora vorrei invitarvi a partecipare a questo straordinario evento internazionale a Boleslawiec, che durera' 5 giorni dal 19 al 23 agosto 2009
Quest anno e' la 15 edizione della festa che si svolge nella bellissima scenografia del centro della cita'. Lo scopo pripcipale della fiera e' presentazione dei vari prodotti d'argilla classica, nuove e originali idee artistiche , comerciali e casalinghe di tutto il mondo.
La fiera ospiterà anche alcuni cantanti famosi e cabarettisti. Si provera' a battere il record di Guinness di un coordinato da tavola dipinto a mano piu' lungo e si svolgera' il concorso per la piu' bella presentazione artistica della ceramica.
Ceramiczny zawrót głowy

Jesli myślisz, że drzemie w Tobie wiele nieodkrytych możliwości, to jedż do Bolesławca, gdzie własnie trwa międzynarodowe Bolesławieckie Świeto Ceramiki. Można tam spotkać artystów ceramików z całego świata, samodzielnie lepić i formować na kole garncarskim glinę, dekorować i malować własne ceramiczne dzieła, podziwiać i kupować różnorodne produkty ceramiczne, zarówno atystyczne jak użytkowe. Znajdziecie tam również i moje wyroby.

Imprezie towarzyszą występy znanych kabaretów i piosenkarzy, takich jak Andrzej Piaseczny PIASEK. Będzie również podjęta próba pobicia rekordu Guinnessa na najdłuższą zastawę ceramiczną ręcznie malowaną, oraz podczas ‘Ceramicznej Parady’ odbędzie się konkurs na najpiękniejszą prezentację artystyczną.

Serdecznie zapraszam, a szczegółowy program impresy znajdziecie tu.

venerdì 7 agosto 2009

Uomo e donna nell'arte italiana in stile derutese.


Il volto del giovane uomo e' intrigante, ricco di mille pensieri. La bocca nasconde un velato sorriso. Indossa un vestito prezioso ed elegante. Piccolo cappello copre i suoi lunghi boccoli biondi. Con timido, penetrante e curioso sguardo cerca il volto della sua donna.


Lei ricambia lo sguardo con moderata fiducia. Il suo volto e' solare e semplicemente bello. Porta un caratteristico del epoca copri capo ricamato a mano, che raccoglie la sua lunghissima bionda coda dei capelli. I colori giallo verde e arancione scuro sono riportati anche sul suo ricco ed elegante vestito lungo.


Questi antichi disegni dei volti della donna e uomo sono rivolti verso se stessi e vanno guardati solo insieme. Si mettono sulla parete l'uno affianco l'altra. Cosi loro possono „guardarsi”, e noi possiamo cercare di scoprire la particolare l'intesa che c'e' tra loro.

Sono dipinti sul piatti di diametro 42 cm con i classici colori vivaci per la ceramica, pero' dopo la cottura sono stati trattati a freddo con la cera marrone, per attenuare la brillantezza del colore e diminuire la lucidità della vernice . In questo modo possiamo ottenere un bellissimo effetto antico, collocarli perfettamente nella loro epoca e renderli misteriosi.

venerdì 10 luglio 2009

Abiti d'epoca delle donne italiane

Ho preparato una mini serie di costumi d'epoca delle donne Italiane, su matonelle di ceramica. L'ispirazione di questo tema è avvenuta quasi casualmente qualche tempo fa, quando la mia nonna aprendo una vecchia panca di legno ha ritrovato un suo abito da ballo. Era cosi bello e particolare che ho deciso di disegnarlo. Successivamente ho dipinto anche altri costumi di nobil donne e di semplici ragazze. I nobili usavano abiti pregiati, cuciti a mano dalle migliori sarte, e ricamati dalle mani di decine di ragazze. Abiti di raso, di seta e colorati con colori estratti da fibre naturali. Anche i colori che si utilizzano per la pittura della ceramica sono naturali e si ottengono con diversi ossidi metallici, terre e minerali. Le tonalità conosciute anticamente erano soltanto i colori del paesaggio:
  • verdi prodotti con l'ossido di rame
  • gialli con l'ossido di ferro,
  • azzurri con l'ossido di cobalto
  • bruni con l'ossido di manganese
Nobil donna di Brescia 1590.
Porta un pregiato abito invernale di ermellino con i guanti e copri capo.

Donna di Sorrento.
Ha un'acconciatura particolare, un lungo grembiule e porta in mano un rosario.
Abito da sera 1873.
E' molto elegante e ricco. Le maniche sono lunghe, arricciate e imbottite con polsini in pizzo; la gonna addobbata di pregiato pizzo, i fiocchi e lo strascico.

Campania - costume di Aversa.
Questa donna porta un cestino pieno di rose. Il suo abito e' pieno di colori diversi, che però combaciano perfettamente tra di loro.

martedì 30 giugno 2009

I papaveri a tavola

Ho pensato di realizzare un set completo di piatti da tavola e da portata e ho scelto un decoro estivo con dei papaveri e girasoli con delle tonalità calde, colori acesi e brillanti. Come vedete dalle foto la forma può essere di due tipi: tonda e angolare. Tonda comprende oltre al piatto piano piccolo e grande un piatto a forma di ciotola, particolarmente comodo oltre per la pasta, per le zuppe. Per realizzare questo decoro ho addatato una tecnica di pittura diversa da quella che uso di solito. Mentre con disegno classico raffaellesco, incominciavo con i contorni, poi riempivo di colore le superfici e finivo il tutto con le sfumature, con questo decoro il procedimento è praticamente il contrario.

Osservate la prima foto: dopo che ho programmato il disegno sulla superficie, aiutandomi con lo spolvero, ho incominciato con petali dei papaveri riempiendoli di colore rosso e poi sfumandoli con il marrone e rosso mandarino. Alla fine ho incontornato tutto con il nero. Lo stesso modo ho fatto i rami e le foglie, aggiungendo punti luce con il bianco. Di solito non uso il bianco, ed incomincio a pitturare con i colori chiari e proseguo con i più scuri. Faccio cosi perché i colori per la ceramica non sono totalmente coprenti e quindi traspare sempre un po' di colore di fondo. Per questo decoro invece, ho usato i colori chiari sopra a quelli scuri. Venuto fuori un effetto particolare, direi perfetto!

Importante mescolare spessissimo i colori , soprattuto il rosso, altrimenti non rendono ed oltre bisogna usare una giusta quantità di acqua.Naturalmente più acqua aggiungiamo più otteniamo il colore diluito e schiarito. Bisogna stare attenti di non usare il pennello troppo inzuppato in acqua, perché dopo la cottura possono venire fuori le bollicine bianche. Invece quando è troppo asciutto e il colore troppo denso, potrebbero formarsi delle crepe. Adesso fa molto caldo e la superfice risulta parecchio asciutta e polverosa, quindi per renderla meno ruvida e più morbida in modo che il pennello scivola meglio, la si può spruzzare prima di pitturare con acqua.

La difficoltà esiste nel manovrare i grandi piatti da portata, quelli che devono essere dipinti da per tutto, perché i colori sono molto delicati e si rovinano solo toccandoli con le dita. Ecco perché appoggio tutti i oggetti su un sostegno di legno ricoperto di un morbido strofinaccio. Si deve dipingere prima dentro e poi fuori, e se capita di rovinare il bordo, prima ancora di pitturare, bisogna intervenire con pennello, facendo un ritocco con lo smalto.
Vorrei segnalarvi una cosa importante: per i servizi da portare a tavola uso solo i colori, lo smalto e le cristalline senza piombo, quindi non tossici.
Sono di ottima qualità, non cambiano nel tempo, neanche con uso della lavastoviglie e direi che rendono le nostre pietanze più appetitose!
Trovate interessanti anche gli articoli su :

come preparare lo spolvero

come realizzare un decoro raffaellesco

come scegliere i pennelli migliori


come procedere con la cottura

martedì 23 giugno 2009

Votare e crescere su diggita.

Da quando ho incominciato a raccontare la mia passione per arte ceramica, avevo bisogno della publicita' per far conoscere il mio lavoro da piu' persone. Questa possibilita' mi ha offerto il diggita.it.

Diggita.it è un social news rating italiano, dove tutti gli iscritti possono inserire notizie, video, podcast e vederli pubblicati immediatamente nel sito che poi vengono votati ed i più votati salgono fino alla prima pagina. L’interfaccia utente è molto agevole da consultare, ci si trova scritto ogni particolare della nostra presenza e del nostro agire all’interno del sito. Utilizzando il link comodamente inserito nella toolbar del broswer è possibile aggiungere nuove notizie nella categoria prescelta in modo assai veloce.

Da quando ho iniziato ad inserire su diggita i miei articoli specifici, su come realizzare i oggetti di ceramica artistica, ho potuto verificare importante aumento dei visitatori e commenti dei lettori interessati alla mia arte, a quali vorrei ringraziare moltissimo.
Spero di poter contare su i vostri voti …basta cliccare sull’apposito bottone.

Oltre a fornire nuovi contenuti da pubblicare su diggita.it, ho aderito alla possibilità di guadagnare con adsense all’interno del portale. E’ facile compilare adeguatamente i dati richiesti e fare in modo che Adsense di Google deduca i ricavi a mio nome, basta andare in questa pagina dove è tutto spiegato passo a passo.

Un forte contributo a questo risultato lo devo di sicuro alla costante azione nel pubblicizzare i miei articoli su diggita.it (un portale di social bookmarketing che proprio in questi giorni compie due anni di vita).



Glosowac i rozwijac sie z diggita.

Na sukces bloga wplywa wiele czynnikow. Jednym z nich jest stala reklama w portalach social bookmarket.
Jednym z wazniejszych jest diggita, w ktorym jestem zaangazowana od poczatku tego roku.

Moj blog "Ceramica che passione" istnieje juz od 8 miesiecy. Od kiedy zaczelam opowiadac o poszczegolnych etapach tworzenia ceramiki, zauwazylam rosnace zaciekawienie tym tematem, co widac w coraz wiekszej ilosci wizyt, komentarzy oraz pytan i zainteresowania ze strony czytelnikow z roznych stron swiata. To dla mnie duza satysfakcja i motywacja do dalszej pracy...... wszystkim serdecznie dziekuje!

Tak wiec, na pewien sukces mojego bloga napewno miala wplyw stala reklama moich artykulow w diggita, ktory wlasnie w tych dniach obchodzi swoje drugie urodziny. Jest to portal bardzo latwy dla kazdego uzytkownika, mozemy do niego zalaczyc nasz link, w wybranej kategori, na ktory czytelnicy moga glosowac. Mam nadzieje ze moge liczyc na wasze glosy....wystarczy kliknac w odpowiedni guzik.

Oprocz stalej oferty najnowszych informacji, diggita oferuje rowniez mozliwosc zarobku z AdSense Google, trzeba tylko sie zarejestrowac. Szczegoly znajdziecie na tej stronie.

Musze przyznac, ze odkrycie diggita bylo dla mnie mila niespodzianka. Zawsze znajduje tu ciekawe artykuly, na ktore czesto oddaje moj glos. Z mojej strony diggita, moge zajrzec do wszystkich interesujacych mnie kategori, w pierwszej kolejnosci. Dzieki temu jestem zawsze poinformowana o wszystkim co sie dzieje w interesujacej mnie blogosferze.
Tak wiec ze wzgledu na wiele zalet, latwosc obslugi i uzytecznosc, diggita moge smialo polecic wszystkim uzytkownikom web.


domenica 21 giugno 2009

Un gioiello che nasce dalla terra

Se vuoi stupire la Tua Lei con un gioiello originale e prezioso, be questo e' proprio quello che cerchi. E se mi chiedi perché un pezzettino di terra, diventato ceramica dovrebbe mai essere prezioso, ti spiego subito. Dietro a queste minuscole palline di bellissimi brillanti decori vari, c'e' tanta conoscenza, esperienza, pazienza, pratica e creatività. Ogni pallina e unica non ripetibile, dipinta con tanta precisione e cura. La lavorazione non e' semplice per i oggetti di cosi piccole dimensioni. La superficie non permette di sbagliare e neanche di aiutarsi con il disegno con lo spolvero. Qui non si può ripassare sulla stessa pennellata e non si può cancellare le imperfezioni. I pennelli devono essere di buona qualita' e molto sottili, le pennellate veloci ma precise e i colori ben diluiti e amalgamati. Tutto questo si fa perché il pennello impregnato di colore appena viene appoggiato sullo strato di smalto è quasi subito assorbito e potrebbe non scivolare facilmente. Questa difficoltà viene superata con la pratica ed è anche uno dei fattori che rende la ceramica decorata a mano più pregiata.

Per poter pitturare questi ciondoli comodamente, abbiamo bisogno di un sostegno particolare appuntito che si appoggia sul torniello, in modo da non dover toccare mai l'oggetto con le mani. Dopo la cristallizzazione le palline vanno messe al forno, sempre con il loro sostegno, altrimenti i colori si rovinerebbero. Per sapere i colori piu' adatti che servono per questi decori vi invito a leggere anche questi articoli:
-Immaginare la decorazione
-Colori

Per sapere come avviene la cottura legete anche:
-La seconda cottura
-Il mio piatto e' pronto

Per poter usarle in gioielleria devono essere valorizzate con le collane che possono essere d'oro, argento, caucciù oppure con dei nastri di seta. Quelle più piccole si possono usare come pendenti per gli orecchini o montati su anelli. La loro bellezza racchiude tutta meticolosita' e fatica che l'arte della ceramica richiede.

sabato 6 giugno 2009

Un regalo prezioso



Se volete fare un regalo particolare e prezioso dipinto a mano, direi che un set da tavola per il condimento è proprio un idea originale. Contiene un'ampolla per l'olio, una per l'aceto, contenitori per sale e pepe e un comodo cestino.
Come vedete dalla prima foto tutti i oggetti sono stati appena smaltati e presentano ancora i buchi lasciati dalla pinza usata per tenerli. Allora la prima cosa da afre è chiudere con precisione tutti i buchi con lo stesso smalto, usando un piccolo pennello. Per sapere qual'è il pennello giusto da usare leggete questo articolo:
Tutorial su i pennelli più adatti alla ceramica 



Sulla seconda foto vedete che tuti i pezzi sono pronti per la cristallizzazione e seconda cottura. Ho usato i colori apiombici (quindi non tossici) in polvere diluiti con acqua. Il disegno Raffaellesco ora è chiaro e blando, andrebbe via solo semplicemente toccandolo con il dito, ma quando esce dal forno (come vedete sulla terza foto) splenderà dei bei colori vivaci e brillanti, che non sbiadiscono neanche in lavastoviglie.





venerdì 15 maggio 2009

Il traforo



Il traforo viene eseguito con i bisturi sulla forma di argilla ancora umida (durezza cuoio) indispensabile per dare trasparenza alla ceramica. E' il protagonista della plafoniera, predomina sul decoro mettendo in risalto i movimenti di luce. I disegni variano dal floreale al geometrico e la luce passandovi attraverso crea attraenti giochi di luce e ombra. Il processo di lavorazione è lungo perché questi trafori sono particolarmente fragili e devono rimanere coperti sotto i teli di plastica per una lenta e graduale essiccazione. Si utilizzano tre diversi tipi di argilla:
1. terraglia (argilla bianca)
2. terracotta grezza
3. terracotta coperta con uno strato di argilla bianca, che lascia trasparire la terracotta.
Poiche' gli oggetti traforati sono fragili, delicati e facilmente subiscono le lesioni, la loro lavorazione deve essere eseguita ad regola d'arte:
  • Bisogna usare sempre l'atrezzo giusto per il tipo di oggetto, tipo di taglio e foro.
  • Dopo averne tirato la forma desiderata, si dovrebbe attendere almeno un giorno per cominciare a traforarla.
  • I trafori non devono essere troppi come numero, e neanche tropo grandi, rispetto la grandezza del pezzo.
  • Un oggetto traforato essendo indebollito nella sua struttura rispetto ad un oggetto non forato, e' piu' sensibile rispetto ad un oggetto classico, quindi ancora di piu' ha bisogno di un'atmosfera di essiccazione stabile, non troppo umida, non troppo calda e un posto dove non ci siano correnti d'aria calde o fredde.
La cottura avviene a 970 C. Gli oggetti decorati con colori e poi smaltati vengono cotti una seconda volta alla stessa temperatura.

mercoledì 15 aprile 2009

Decoro con fiori blu


I oggetti che vedete sulla foto sono stati esposti con successo, alla mia mostra personale a S. Giorgio A Cremano (Napoli) alla galleria “Canova” - proprio di fronte al Centro Teatro Spazio che fu il primo laboratorio cabarettistico e teatrale dell’attore Troisi. Il decoro è sviluppato e creato da me, presenta degli eleganti e semplici fiori blu in fantasia. E adatto per tutte le occasioni e ambienti. E' perfetto anche per un servizio da tavola. Naturalmente i colori che uso sono senza piombo, atossici e quindi si possono utilizzare per i servizi da tavola. Osservate come è bello e brillante questo decoro sviluppato sulla base di lampade con il capello bianco. Per addolcire il profondo blu ho aggiunto un chiaro verde delle foglie, azzurro e giallo arancione nei cuori dei fiori. Le lampade cosi danno un tocco di classe ad una camera da letto classica, in stile arte povera, come anche moderna con una parete a sfumature blu e il letto bianco.
Se state pensando di dipingere un oggetto di ceramica da soli, troverete interessanti anche questi articoli:
Ho accumulato una grande quantità di spolveri di disegni classici tipici di Deruta che si adattano ad ogni oggetto di ceramica. Sono in grado di eseguire ogni vostra richiesta anche con i decori da voi personalizzati. Posso fare qualsiasi disegno da voi ordinato sul qualsiasi oggetto. Se volete avere altre informazioni, suggerimenti o consigli contattatemi.

mercoledì 8 aprile 2009

Le uova di Pasqua anche in ceramica

L'uovo rappresenta la Pasqua in tutte le sue forme: commestibili come di cioccolato o zucchero, e artistiche come quelle di ceramica o altri materiali. Le uova hanno sempre rivestito il simbolo della vita in se', del mistero, della sacralita'. Secondo culti pagani, il Cielo e la Terra erano due meta dello stesso uovo; Greci, Cinesi e Persiani scambiavano uova come dono per le feste Primaverili; gli Egizi vi identificavano il fulcro dei 4 elementi dell' universo; gli Israeliti donavano uova ai amici per i compleanni. Gli antichi romani dicevano: "Omne vivum ex ovo"(Ogni essere vivente deriva dall'uovo).

Le uova erano viste come simbolo di fertilita' e dotate di poteri speciali: interrate sotto casa per tenere lontano il male, portate in grembo delle madri per sapere il sesso dei figli e calpestate dalle spose prima di entrare nella nuova dimora. Con l'avvento del Cristianesimo divennero simbolo della Resurrezione di Cristo, della rinascita dell'uomo stesso. Si narra che Maria Maddalena si presento' all'imperatore Tiberio per regalarli un uovo dal guscio rosso, testimonianza della Resurrezione di Gesù e che Maria madre di Cristo, porto' in omaggio a Ponzio Pilato un cestino pieno di uova per implorare la liberazione di suo Figlio.

Oggi troviamo in molte tradizioni l'uso delle uova per celebrare la Pasqua:

-In Germania si nascondono uova colorate nel giardino o in casa e si invitano i bimbi a cercarle, dicendo che hanno lasciate i leprotti.

-Anche in Francia si nascondono uova dipinte e si narra ai bambini che sono state lasciate dalle campane volate a Roma la notte di Venerdì Santo.

-Nei paesi Scandinavi e' tradizione fare giochi con uova sode; andare in chiesa con un uovo aiuta a smascherare le streghe; mentre un uovo, lasciato nel campo arato aiuta ad avere un abbondante raccolto.

-Gli ortodossi celebrano la ricorrenza dei morti il venerdì dopo Pasqua. Colorano le uova di rosso per metterle sulle tombe, come augurio di felice vita ultraterrena per i cari sepolti. Questa tradizione e' legata ad una leggenda che narra di Maria, abituata a far divertire Gesu' Bambino con delle uova colorate: il giorno di Pasqua tornata sul sepolcro, lo trova aperto e sul ciglio scorge delle uova rosse

-In Polonia invece I bambini dipingono il Sabato Santo le uova sode come il simbolo di buon auspicio e fertilita', poi le portano con altro cibo nei cestini ben addobbati in chiesa a benedirli. La domenica di Pasqua questo cibo viene diviso e consumato a pranzo da tutti i famigliari. Il lunedi di Pasquetta i giovani, secondo un antico rito di fertilità, spruzzano le ragazze con l'acqua di sorgente.
Buona Pasqua con un pensiero per le vittime del terremoto in Abruzzo.

venerdì 3 aprile 2009

Raku

Vuol dire "godimento della libertà". E un antica tecnica di origine giapponese con la quale vengono foggiati oggetti unici, una forma espressiva ricca di personalità e coinvolgimenti filosofici. Nel sedicesimo secolo i Giaponesi usavano la ceramica raku per servire il tè.
Oggi la ceramica raku ha una forma semplice e nonostante che quello americano è più vigoroso, mantiene comunque la sua caratteristica di semplicità, naturalezza e libertà.

La lavorazione

La ceramica raku durante la cottura viene sottoposta a stress e tensioni di riscaldamento e raffreddamento rapidi. Ed per questo deve avere le particolari caratteristiche da poter resistere allo shock termico. Quindi si usa l'argilla ricca di materiale refrattario (allumina e silice) resistibile alle tensioni che si creano durante la riduzione. Il materiale usato è meno plastico, meno lavorabile e ha anche dei limiti alle dimensioni e complessività del oggetto. Può essere lavorato al tornio, colombino e a mano.

La decorazione

Il raku non dà mai risultati certi, buona parte del risultato è dato dal caso anche se, con l’esperienza e la pratica, si può arrivare a un buon grado di consapevolezza di ciò che si otterrà.
Gli smalti utilizzati sono caratterizzati da un basso punto di fusione.
Le parti non smaltate dei manufatti reagiranno alla riduzione assumendo una colorazione grigia o nera a seconda della riduzione subita.

La riduzione

La riduzione è il momento della lavorazione più emozionante, spettacolare e in parte imprevedibile.
Il raku moderno è diverso rispetto a quello inventato in Giappone, infatti i ceramisti Giapponesi, al momento della fusione degli smalti, estraevano il pezzo dal forno e lo lasciavano raffreddare all’aria o immergendolo nell’acqua. Oggi, dopo l’estrazione, si sottopone l'oggetto ad una forte riduzione mettendolo immediatamente in un contenitore con della segatura, foglie secche, carta o altro materiale combustibile. Dopo si richiude tutto e lascia raffreddare.
Si può variare la riduzione aprendo in parte il coperchio oppure bloccarla, immergendo l’oggetto in acqua.
Per ottenere splendidi lustri metallici (come sulla foto del mio vaso) bisogna aggiungere allo smalto circa il 2% di nitrato d’argento e mettere l'oggetto immediatamente in riduzione dopo l’estrazione.
La temperatura di estrazione è intorno ai 1000°C.

martedì 24 marzo 2009

RICCO DERUTA NELL'ARTE DELLA DECORAZIONE CERAMICA



Ricco Deruta e' lo stile della decorazione ceramica classica Derutese ideato e applicato dai artisti di Deruta e tramandato da generazione in generazioni.
Nel tempo ogni artista aggiungeva o modificava lo sviluppo del disegno a suo piacimento e gusto, per adattarlo ad vari tipi e grandezze degli oggetti. Nella foto del orologio il motivo del disegno si addice perfettamente alla sua forma quadrata. Nello stesso modo si può uttillizarlo anche per decorare i oggetti tondi come i piatti (disegno di sotto)

I colori invece sono rimasti nel tempo non variati. Sono proprio i colori appositi, che rendono il decoro Ricco Deruta caratteristico e riconosciuto nel mondo del arte. Io uso colori siglati CSM(colori sopra smalto), e colori CAV(colori apiombici ventilati) che sono trattati finemente e quindi più facili da stendere e con resa migliore. Per questo decoro vi posso consigliare:


-verde pavone CAV 12450
-blu severes CSM 54

-seppia CSM 141

-giallo CSM 18
-arancio CSM 35
-rosso carminio CSM 7

Il segreto di rendere il rosso più elegante e bello sta nel mischiarlo e ben girarlo con l'arancione nella stessa proporzione.




martedì 10 marzo 2009

PAPER CLAY

Paper clay significa carta e argilla e nella ricerca di nuove tecniche è una novità molto interessante che apre completamente nuove possibilità tecniche ed artistiche. E' un miscuglio di argilla e polpa di carta straccia, carta riciclata, carta igienica o tessuti vegetali come il lino, cotone etc. In questo modo l'argilla acquista delle incredibili nuove qualità e potenzialità:
-Si asciuga rapidamente senza fare le fessure.
-Si attacca a secco semplicemente bagnandola nel punto di saldatura.
-E' più forte allo stato di durezza cuoio che asciutto.
-Si fessura pochissimo e si ripara facilmente.
-Può essere aggiunta ad un pezzo completamente asciutto e anche ad un pezzo biscottato.
-Ottima per fare le sculture grosse e pezzi unici.
-Permette di lavorare senza problemi con lastrine di argilla anche molto sottili.


L'uso della paper clay è economico. Materiali e consumo energetico sono ridotti dal momento che la fibra di carta aggiunta all'argilla riempie la massa dell'impasto. La paper clay è inoltre molto tollerante agli sbalzi di temperatura, consente le cotture più brevi e quindi il risparmio energetico.
Lavorare con la paper clay sembra quasi più facile che con argille tradizionali. La paper clay resiste all'essiccamento veloce senza incrinature o deformazioni. Oggetti grandi e sottili possono essere smaltati crudi e la cottura può iniziare anche se sono ancora bagnati.
La paper clay aiuta a risolvere molte costrizioni tradizionali e presenta un solo svantaggio nel fatto che dopo cottura la sua resistenza si riduce in proporzione all'ammontare di polpa presente nella ricetta.
Per ottenere l'impasto paper clay bisogna mettere la carta ridotta a pezzetti in un recipiente con l'acqua calda, mescolare a lungo velocemente e poi filtrarla con un setaccio e strizzarla, quindi mescolare la cellulosa ottenuta ad argilla allo stato di barbottina. Una volta essiccata e mantenuta all' asciutto, la paper clay è conservabile all'infinito.
Con questo impasto possiamo creare oggetti d'arredamento leggerissimi, traforati, che con le loro fessure ricordano trame, tessuti, e brillanti di bianco intrecci.
La foto della Craspina Nido e' opera di Giovanni Cimatti.

giovedì 5 marzo 2009

L'ARABESCO NELL' ARTE DELLA DECORAZIONE CERAMICA



Un pò di tempo fa vi ho parlato dell' antico decoro Raffaellesco, della sua tecnica e il modo di pitturare. Come avete visto dalle foto, tutto il corpo del drago e altri elementi ornamentali erano raccolti nei precisi contorni della sottile linea marrone scuro.
Quindi la sua caratteristica era proprio quella che il disegno veniva prima contornato, e poi riempito di colore.
Invece nel decoro Arabesco non ci sono i contorni, e non si usa neanche lo spolvero.Quindi serve una maggiore sicurezza nel programmare il disegno da eseguire sull' oggetto. E' un disegno delle foglioline verdi o blu sullo sfondo bianco, che non segue un andamento predefinito. Le foglie sono intralciate con dei sottili rametti e diversi fiori gialli, arancioni e rossi. Per poter dipingere queste foglie in modo da sembrare vere, bisogna usare un pennello medio, tondo, molto morbido e senza punta. Devono risultare leggere e completamente riempite di colore. Per rifinire il tutto al centro della alzatina ho inserito degli uccelli colorati al bordo del' acqua. Questo tipo di decoro si addice molto anche nell' oggettistica di uso domestico come barattoli, portafiori, tazze, ciotole e bomboniere. Se la decorazione vi piace, potrei eseguirla anche sui oggetti a vostra scelta.

venerdì 27 febbraio 2009

GUIDA SULLE DECORAZIONI CERAMICHE


Decorazione sopra lo smalto
La decorazione si esegue sul biscotto precedentemente smaltato. Il colore dato sullo smalto crudo in cottura aderirà perfettamente fondendosi ad esso. Nell' applicare i colori sopra smalto e` necessario che lo spessore non sia eccessivo, per evitare difetti durante la cottura.

Decorazione con ingobbi
Questo tipo di decorazione si esegue sull' oggetto crudo a durezza cuoio. L' ingobbio si applica immergendo direttamente l' oggetto da trattare, facendo ben attenzione a non lasciare bolle d'aria sulla superficie. Se si preferisce usare il pennello e` bene applicare almeno tre strati assicurandosi che tra uno strato e l'altro l'ingobbio sia asciugato bene . Se si devono trattare grandi superfici è molto comodo usare al posto del pennello una spugna. Una volta asciugato si consiglia di cuocere ad una temperatura di 1000 C.

Decorazione a rilievo
All` oggetto a durezza cuoio si aggiungono pezzi precedentemente preparati usando come collante la barbottina.


Decorazione a pettine
Su un oggetto di forma piana , a durezza cuoio, coprire la superficie con un ingobbio di un colore a scelta. Aspettare qualche minuto per far asciugare leggermente, poi fare delle linee con l` apposita siringa piena di un ingobbio di un altro colore, a questo punto dare dei leggerissimi colpi all` oggetto cosi` da far muover i due colori. Infine passare con la lama di un coltello ortogonalmente alle linee fatte con la siringa per ottenere l ` effetto desiderato.

Decorazione marmorizzata
Versare sull' oggetto a durezza cuoio vari ingobbi colorati e molto densi, poi inclinare l' oggetto a destra e sinistra. I colori muovendosi creeranno l' effetto di una superficie marmorizzata.

Decorazione a stencil

Si ritaglia una maschera su foglio di alluminio, si appoggia alla superficie da decorare e si passa il colore con il pennello. Applicando del colore sulla maschera, la forma ritagliata verrà impressionata sulla superficie retrostante lo stencil, perché il colore passerà solo attraverso le sezioni ritagliate. Quando è ben asciugato cuocere alla temperatura consigliata.

Decorazione a stampino

Si intaglia nel sughero o nel legno una figura, poi la si immerge nel colore e la si stampa sulla superficie.

Decorazione sotto vernice

Si tratta di colori applicati su biscotto a pasta bianca. Dopo la decorazione si consiglia di ricoprire l' oggetto con una cristallina.



.

ShareThis